Un nuovo modo di scoprire prodotti e territorio

24/05/2022

Palazzo di Varignana è un’elegante e prestigiosa struttura adagiata nel suggestivo scenario dei Colli Bolognesi. Nel 2005 il titolare Carlo Gherardi ha deciso di restaurare Palazzo Bargellini Bentivoglio, castello di campagna e splendido esempio di tipica residenza di campagna toscana del 1600, per rendere omaggio ad una terra bellissima, ricca di memoria custodita nei millenni, a partire dall’antica Roma con la sua Via Emilia e con le sue colline dove all’epoca si coltivava l’ulivo oltre che la vite.

E’ anche in questo che risiede il senso della rinascita di Palazzo di Varignana, un progetto che parla di recupero e di rigenerazione: di edifici storici, di terreni e casali rurali abbandonati e relative colture, come quella dell’ulivo e della vite che sono tornate a disegnare i profili dei colli circostanti.

Qui ospitalità e agricoltura si fondono per offrire un’esperienza autentica, a stretto contatto con la natura, assaporando prodotti enogastronomici di eccellenza a Km0. Il Progetto Food di Palazzo di Varignana mira a diffondere la cultura dell’Olio Extra Vergine di Oliva, proponendo un’esperienza a 360° nel mondo dell’olio, che parte dalla coltivazione e prosegue all’interno del Resort. L’ospite è accompagnato alla scoperta diretta degli Oli attraverso percorsi di degustazione degli extravergini; menù oliocentrici presso i ristoranti si fanno carico di stabilire nuove occasioni per scoprire il rapporto tra olio e alimenti, tra cucina e materia; trattamenti e massaggi oliocentrici presso la Spa portano nella dimensione dei piaceri dei sensi e nella cura della bellezza i valori naturali che la terra prima e l’olivo poi hanno saputo distillare.

Oggi oltre 150 ettari di nuovi oliveti, per un totale di 130.000 piante, danno vita a un olio extravergine di oliva di altissima qualità, dalle sensazioni gustative intense e di grande complessità aromatica. L’amore e il rispetto per il territorio hanno portato a scegliere le più rappresentative cultivar dell’Emilia-Romagna, come la Ghiacciola e la Nostrana di Brisighella, alle quali si affiancano le varietà Frantoio, Leccino Maurino e Leccio del Corno.

Cinque le tipologie di Olio EVO, di cui tre Monocultivar per le varietà Ghiacciola, Nostrana e Correggiolo, e due Blend: il Blu e il Verde. Punta di diamante è il Monocultivar Ghiacciola "Claterna", pluripremiato dalle principali guide di settore e riconoscimenti internazionali.

 

 

Cerca la città del vino
Generic filters

Ultime Notizie

adv